Ana səhifə

Xxvi edizione Parma, Teatro Due 23-30 ottobre 2008


Yüklə 50.36 Kb.
tarix24.06.2016
ölçüsü50.36 Kb.




Reggio Parma Festival 2008

Progetto Israele/60°/
Programma Sezione Teatro

Teatro Festival Parma

Meeting Europeo dell’Attore

XXVI edizione

Parma, Teatro Due 23-30 ottobre 2008

Comune di Parma

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Regione Emilia-Romagna

Provincia di Parma

Reggio Parma Festival

Fondazione Monte di Parma
in collaborazione con

Ambasciata di Israele in Italia

Associazione Israele 60

Ministero degli Affari Esteri di Israele


Yuval Avital



KOLOT

opera icono-sonora per cantanti, ensemble, elettronica e video



ideatore, compositore e direttore musicale Yuval Avital

produzione Magà/AGON

progetto realizzato con Reggio Parma Festival, Teatro Festival Parma, I Teatri di Reggio Emilia, Rec, Musica per Roma con il contributo di Associazione Israele 60, Fondazione Cariplo, Comune di Milano, Provincia di Roma, Comunità Ebraica di Roma, Comunità Ebraica di Parma, Comunità Ebraica di Modena

con il patrocinio di Provincia di Roma, Comune di Milano

ringraziamento speciale Ambasciata d’Israele

Teatro Due, 23 ottobre 2008 ore 21.00
Kol, in ebraico voci, vuole rappresentare una tra le più ricche società multiculturali del pianeta, una paese contraddistinto da diversità e da contrasti religiosi, etnici e geografici: Israele.

La voce, uno dei simboli di questo luogo complesso, rispecchia tramite i cantanti, elementi della realtà, della vita e della sacralità delle diverse culture che lo popolano: etnie antichissime come quelle ashkenazita, sefardita, yemenita; culture paleocristiane come quelle armena e copta; etnie musulmane come quelle beduina e araba. Ogni esecutore è depositario di una tradizione unica, di un messaggio proprio della sua ancestralità religiosa e culturale.

Le voci si fondono ai materiali multimediali elaborati dai videoartisti e dagli esecutori al live electronics. Montando ed elaborando suoni ed immagini, gli artisti disegnano mondi ed atmosfere che combinandosi con il canto e la musica strematale collegano la tradizione alla realtà contemporanea, l’oriente all’occidente, la semplicità alla complessità.
Yuval Avital, nato a Gerusalemme nel 1977, è compositore e direttore di progetti musicali e multimediali, chitarrista solista di musica classica e contemporanea. I suoi lavori coinvolgono una grande varietà di stili e generi, combinano diverse tradizioni ed epoche, uniscono nuovo ed antico, semplice e complesso. Le sue opere sono state eseguite in giro per il mondo: da Parigi a Pechino, da Israele all’Italia, dove ha fondato e dirige Magà, un progetto in residenza ad AGON, centro di produzione e ricerca per le nuove tecnologie applicate alle performing arts con base a Milano.

Fondazione Teatro Due



UNA NOTTE DI MAGGIO

di Abraham B.Yehoshua

traduzione Alessandra Shomroni

adattamento Edoardo Erba

con Elisabetta Pozzi, Claudia Giannotti, Michele dè Marchi, Sergio Romano, Mariangela Granelli, Massimiliano Sbarsi, Noemi Condorelli

scene e costumi Margherita Baldoni

luci Luca Bronzo

regia Carmelo Rifici

Teatro Due, 24 ottobre 2008 ore 21.00

25 ottobre 2008 ore 20.00
<<Una notte di maggio descrive un momento critico e fondamentale della storia israeliana, la notte in cui il presidente egiziano Nasser annunciò la chiusura dello stretto di Tiran al passaggio delle nostre navi, innescando la serie di eventi che, una decina di giorni più tardi, condusse allo scoppio della guerra dei sei giorni >>.

Considerata la migliore opera teatrale di Yehoshua, Una notte di maggio è ambientata all’interno di una vecchia villa del quartiere di Rehavia, a Gerusalemme, in un appartamento situato nel seminterrato in cui si ritrovano i membri della famiglia Sarid. È appunto la notte del 23 maggio 1967, vigilia della guerra dei sei giorni, e l’angoscia e il timore per l’imminente conflitto, la possibile sconfitta e un eventuale sterminio, per la distruzione e la morte incombente, esasperano gli animi dei protagonisti facendo riaffiorare malesseri esistenziali e conflitti sopiti. Nell’arco di una sola notte, tra le sette di sera e le sei del mattino seguente, in un clima di continua tensione, non priva tuttavia di sfumature ironiche, si consuma il dramma della famiglia, fino al suo sgretolamento.

Un uomo si ritrova con l’ex moglie e il suo nuovo marito. Scaveranno nelle ragioni del loro divorzio, con il fratello pazzo e la madre che la sta diventando: una commedia cadenzata dalle notizie radiofoniche dell’ineluttabile guerra che li ha riuniti.

Una notte di maggio è una commedia che si situa nell’ambito della drammaturgia israeliana legata alla formazione dello Stato d’Israele, ma nello stesso tempo ne definisce la specifica direzione di ricerca e di unicità. Spicca la tendenza a fotografare i personaggi in situazioni estreme di sensibilità nervosa, a portarli sull’orlo di qualche disastro o esplosione patologica di forze psichiche sopite, ad acuire il conflitto tra memoria, isolamento e oblio.

<>.

INCONTRO CON Abraham B.Yehoshua



Teatro Due, 24 ottobre 2008 ore 17.00
Nato a Gerusalemme nel 1936, vive ad Haifa nella cui università insegna Letteratura comparata e Letteratura ebraica. Si è laureato in Letteratura ebraica e Filosofia all'Università Ebraica di Gerusalemme, dopo aver studiato alla scuola Tikhonaim. Ha avuto incarichi come professore esterno nelle Università di Harvard, Chicago e Princeton. Ha vissuto a Parigi per quattro anni, dal 1963 al 1967 e lì ha insegnato. Inizialmente autore di racconti e opere teatrali, ha conosciuto il successo coi suoi romanzi ed attualmente è lo scrittore israeliano più noto. Cominciò a pubblicare le sue prime opere subito dopo aver concluso il servizio di leva militare, e venne poi consacrato ad essere punta di diamante del Nuovo Movimento degli scrittori israeliani (in inglese Israeli New Wave). Le sue opere sono state tradotte in 22 lingue. Al centro del pensiero e dell'opera di Yehoshua si trova la questione del rapporto tra popoli diversi, che hanno religioni e culture differenti. I suoi personaggi sperimentano in forme a volte drammatiche, spesso tormentate, la difficoltà di costruire relazioni umane autentiche che non si lascino incasellare nel pregiudizio o nell'intolleranza. Un altro tema costante nei suoi libri è l'analisi dei rapporti familiari. L'amore coniugale è oggetto di particolare analisi, in quanto non fondato su un legame di sangue e perciò tale da dover essere continuamente rimesso in gioco, giorno per giorno, nelle situazioni più diverse.

Nel rappresentare situazioni a volte anche potenzialmente scabrose, la parola di Yehoshua è tuttavia semplice, comprensiva, priva di morbosità. Non a caso Yehoshua viene spesso definito il simbolo della complessità ebraica: sentimenti amorosi, religione e fede, ideologia politica e routine quotidiana, costituiscono un unicum nei suoi scritti e tutto ciò si trova sempre ben contestualizzato nella dimensione storica dello Stato d'Israele e nel mondo ebraico.

Tra i romanzi più noti: L'amante (1977), Un divorzio tardivo (1982), Cinque stagioni (1987), Ritorno dall'India (1994), Viaggio alla fine del millennio (1997), La sposa liberata (2001), Il responsabile delle risorse umane (2004), Fuoco amico (2007). Per il teatro ha scritto: Una notte di maggio (1975), Possesso (1986), Bambini della notte (1992).

Habimah National Theatre of Israel (Tel Aviv)



PSHUTA: Denuded

scritto ed interpretato da Miki Peleg-Rothstein

scene e costumi Nava Shtar

luci Ziv Voloshin

musiche Alla Abu Amara

canzoni Miki Peleg-Rothstein

regia Norman Issa

Teatro Due, 25 ottobre 2008 ore 18.00

26 ottobre 2008 ore 21.00

Spettacolo in lingua originale con sopratitoli in italiano
In un monologo intenso e commovente, Denuded racconta la storia di una bambina di sette anni che, insieme alla sorella e alla madre, sorda, dopo il divorzio voluto dal padre naturale, si trasferisce nell’appartamento del nuovo patrigno, trovato dalla madre attraverso un annuncio. Qui si consuma, inosservato, l’incubo della violenza sessuale reiterata per quattro lunghi anni, e la lenta trasformazione che questa condizione angosciosa porta nella giovane protagonista.

Le straordinarie trasformazioni fisiche ed emozionali che l’attrice ottiene in scena restituiscono un’immagine straziante dell’inimmaginabile devastazione che l’abuso sessuale ed emotivo crea in un bambino. Un testo senza tempo sconvolgente per l’universale tragicità del tema trattato.


Teatro Festival Parma



NEMA PROBLEMA

di Laura Forti

con Giampiero Judica

regia Pietro Bontempo

Teatro Due, 25 e 26 ottobre 2008 ore 22.00
Un testo duro, deciso, politicamente scorretto. Una requisitoria sulla guerra in Jugoslavia, che potrebbe riguardare però qualsiasi guerra del nostro tempo, qualsiasi scontro armato in cui venga meno la chiarezza dei fronti, in cui le motivazioni profonde sconfinino nella sfera più intima e in cui le ideologie siano solo paraventi per azioni governate dalla legge del taglione.

Il protagonista ricorda, anni dopo, quella fase della sua vita, in cui aveva 23 anni ed era “un bauscia”, in cui non sapeva nulla della guerra, e voleva essere come il grande fotografo Robert Capa e per un fortuito caso della vita si è trovato a combattere per la Croazia.

È la musica a scandire, interrompere, forse ispirare i suoi ricordi, intrisi di sangue e di ingiustizia, di atroci disillusioni e di ferocità umana. Una musica che non poteva che provenire dal denso sospiro di un sax, e che si infiltra nel racconto, frenandolo, lasciando al protagonista e al pubblico pause per riprendere il fiato, per riprendere il filo di questa cronaca senza spiragli di umanità.

Dopo aver trattato temi come l’immigrazione clandestina, il nazismo, la disgregazione della famiglia, l’inesorabile sradicamento del nostro tempo da tradizioni culturali e religiose, da riti tramandati di padre in figlio, Laura Forti ne affronta un altro di scottante attualità, basato su una storia vera, e lo fa con mano sicura, con un ritmo narrativo incalzante ed evocativo di assalti e fughe, di scontri e di lacrime sul corpo di compagni massacrati. Pluripremiata con i suoi testi precedenti, anche nel suo nuovo testo si candida ad ampi consensi.

Habimah National Theatre of Israel (Tel Aviv)

WAR

di Lars Noren

traduzione Lizzie Oved Scheja

con Rami Heuberger, Osnat Fishman, Hila Feldman, Igal Sade, Ania Bukstein

scene e costumi Frida Klapholz-Avrahami

luci Roni Cohen

regia Ilan Ronen

Teatro Due, 26 ottobre 2008 ore 17.00

Spettacolo in lingua originale con sopratitoli in italiano
Lars Noren è drammaturgo, scrittore e poeta svedese, considerato fra i più prolifici e significativi dai tempi di Strindberg. In War, testo in cui realismo e metafora si fondono, racconta il ritorno a casa di un soldato, divenuto cieco, creduto morto dalla famiglia. Sua moglie ora è innamorata di suo fratello che ha preso il suo posto come capofamiglia. La figlia più grande è diventata una prostituta e la più piccola, ancora bambina, stenta ad imparare a muovere i primi passi. Cieco, non vede che suo fratello si trova in casa ed insiste nel tentare di recuperare la sua vecchia posizione di marito e padre. Il conflitto che si è lasciato alle spalle è ora rimpiazzato da una guerra personale altrettanto devastante.

L’Habimah National Theatre di Tel Aviv è dal 1958 il teatro nazionale di Israele. Il regista Ilan Ronen, nonché attuale direttore artistico di Habimah, è convinto che nel suo tormentato e complesso Paese il teatro non possa non confrontarsi con le preoccupazioni più reali e profonde di chi lo vede.

Gesher Theatre (Jaffa, Tel Aviv)

MOMIK

tratto da “Vedi alla voce amore” di David Grossman

adattamento Yevgeny Arye e Lena Laskina

con Amnon Wolf, Guy Krasner/Jonathan Franko, Ruth Heilovsky/Vainberg Michal, Leonid Kanevsky, Natalya Voitulevich-Manor, Alexander Senderovich, Yevgeny Terletzky Vladimir, Halemsky/Kamenko Klim, Boris Achanov/Vladimir Halemsky, Victor Sokolov

arrangiamento musicale e suono Michael Vaisburd

scene Michael Kramenko

luci Bueno Avi Iona (Bambi)

costumi Rakefet Levy

testo in lingua ebraica Ben Bar-Shavit

assistente alla regia Lena Kreindlin

regia Yevgeny Arye

Teatro Due, 28 ottobre 2008 ore 21.00

29 ottobre 2008 ore 20.00

Spettacolo in lingua originale con sopratitoli in italiano
I genitori di Momik sono ebrei polacchi sopravvissuti all’Olocausto. Momik è un bambino di nove anni cresciuto nella Gerusalemme degli anni’50 in un’atmosfera di silenzio segreto e di malcelata paura. I grandi si rifiutano di rispondere alle sue domande a proposito della loro vita nell’Europa nazista che nessuno nomina indicandola con un generico “laggiù”. Così Momik inventa una terra immaginaria “laggiù” dove la sua famiglia viveva felicemente prima della Guerra. Chiunque lo circondi viene da “laggiù” e tutti costoro serbano ricordi dolorosi della “Bestia Nazista” che li ha torturati e ha ucciso le loro famiglie. Momik decide così di rievocare quell’incubo per riuscire ad esorcizzarlo. Momik, episodio di Vedi alla voce amore di David Grossman, è stato scritto vent’anni fa e da allora tradotto in più di dieci lingue. Il libro racconta la storia dei superstiti dell’Olocausto vista da un bambino di nove anni, un membro della cosiddetta seconda generazione nata dagli immigrati in Israele dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Habimah National Theatre of Israel (Tel Aviv) e Schaubühne am Lehniner Platz (Berlino)



THIRD GENERATION

Prima presentazione/work in progress

Opera su commissione Theater der Welt 2008

sceneggiatura Amit Epstein, Irina Szodruch

con Judith Strößenreuter, Karsten Bahlem, Patrick Güldenberg, Niels Bormann Rawda, Muhammad Dabdoub, Rabie Khoury, George Iskandar, Orit Nahmias, Ayelet Robinson, Ishai Golan, Roi Miller

video Erez Galonska

sponsorizzato da Bundeszentrale für politische Bildung, Mitteldeutsche Zeitung, Festival di Parma e Goethe-Institut Tel Aviv

in collaborazione con Fondazione Teatro Due di Parma

un ringraziamento particolare a Eran Baniel

regia Yael Ronen

Teatro Due, 29 ottobre 2008 ore 22.00

30 ottobre ore 21.00
Al termine dello spettacolo segue dibattito

Spettacolo in lingua originale con sopratitoli in italiano
Yael Ronen è una delle più importanti e coraggiose registe israeliane, portavoce delle giovani generazioni. Third Generation rappresenta la prima tappa di un progetto scritto e realizzato insieme.

Il testo è scritto in collaborazione con attori arabi ed israeliani catturando con grande humor la follia di ogni giorno che si vive da una parte e dall’altra del muro. Costringe il pubblico a prendere posizione. In Third Generation analizza il nodo gordiano della Memoria che unisce il popolo tedesco, israeliano e palestinese analizzando concetti come “memoria”, “colpa”, “rifiuto”, “colpevoli e vittime”, che giocano un ruolo importante nella storia dell’identità israeliana, tedesca e palestinese e nei rapporti fra questi paesi.


Fondazione Teatro Due



IL TEATROGIORNALE

di Roberto Cavosi

con Roberto Abbati, Alessandro Averone, Paolo Bocelli, Federica Bognetti, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Luca Giordana, Tania Rocchetta, Antonio Tintis, Nanni Tormen, Marcello Vazzoler

Teatro Due, dal 24 al 30 ottobre alle ore 19.15
Sulla base di una notizia di attualità, l’autore e drammaturgo Roberto Cavosi ogni giorno servirà un copione che alla sera verrà presentato come una piccola pièce originale ed estemporanea dagli attori dell’ensemble di Teatro Due. Un modo di osservare la ‘nostra realtà’ attraverso strumenti di indagine solitamente inconsueti per un approfondimento così ravvicinato; un curioso abbinamento fra giornalismo e teatro ispirato a piccoli o grandi fatti d’attualità.

Fondazione Teatro Due



L’ISTRUTTORIA

di Peter Weiss

traduzione Giorgio Zampa

con Roberto Abbati, Paolo Bocelli, Cristina Cattellani, Laura Cleri

Gigi Dall’Aglio, Giuseppe L’Abbadessa, Milena Metitieri, Tania Rocchetta



musiche Alessandro Nidi

esecuzione Davide Carmarino

costumi Nica Magnani

luci Claudio Coloretti

regia Gigi Dall’Aglio

Teatro Due, 27 ottobre 2008 ore 21.00
L’Istruttoria è un appuntamento rituale con la memoria che Fondazione Teatro Due ripropone ogni anno dal 1984, un invito a non dimenticare il dramma dei campi di sterminio. Un giudice, un difensore, un procuratore, diciotto accusati e nove testimoni anonimi sono i personaggi di quest’opera in undici canti che, come un Inferno laico e contemporaneo, trascende la rappresentazione del processo e acquista la liricità di una tragedia greca. Una sorta di viaggio agli inferi, non solo nel tempo ma anche nello spazio, e in cui i personaggi, bloccati tra forma e vita, tentano con l’azione di dipingere “l’istante eterno” della storia e del ricordo. Atto di denuncia contro i crimini nazisti, L’Istruttoria venne scritto da Peter Weiss dopo aver assistito allo storico processo che si svolse a Francoforte dal 1963 al 1965 contro un gruppo di SS e di funzionari del lager di Auschwitz. Le 183 giornate del processo in cui vennero ascoltati 409 testimoni, 248 dei quali scelti tra i 1500 sopravvissuti, rappresentarono il primo tentativo da parte della Repubblica Federale Tedesca di far fronte alla questione delle responsabilità individuali, dirette, imputabili ad esecutori di ogni grado attivi nei recinti del lager di Auschwitz.

INFORMAZIONI

Abbonamenti e biglietti di Teatro Festival Parma in vendita dall’ 1 ottobre 2008 presso la Biglietteria di Teatro Due (Tel.0521/230242)
Biglietti

Intero 12,00 Euro

Ridotto 9,00 Euro

“Il teatro giornale” 2,50 Euro


Abbonamento a 4 titoli 32,00 Euro

Kolot

War

Momik

Third Generation


Per informazioni:

Reggio Parma Festival

Via Garibaldi, 16/a

43100 Parma / ITALY

tel. +39 (0)521 039351

www.reggioparmafestival.com

segreteria@reggioparmafestival.com
Ufficio Stampa Reggio Parma Festival:

Studio ESSECI - Sergio Campagnolo

via San Mattia, 16

35121 Padova

tel. +39 (0)49.663499

info@studioesseci.net



www.studioesseci.net

Fondazione Teatro Due

Viale Basetti, 10

43100 Parma ITALY

tel +39/0521/230242

biglietteria@teatrodue.org

www.teatrodue.org
Ufficio Stampa Fondazione Teatro Due

Michela Astri

Tel. +39/0521/289644 (diretto)

Cel 349/2268680



m.astri@teatrodue.org

uff.stampa@teatrodue.org


Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©atelim.com 2016
rəhbərliyinə müraciət