Ana səhifə

Un circolo di tifosi antirazzisti dell'Inter ha scritto una lettera al presidente Massimo Moratti


Yüklə 5.24 Kb.
tarix26.06.2016
ölçüsü5.24 Kb.
Un circolo di tifosi antirazzisti dell'Inter ha scritto una lettera al presidente Massimo Moratti. Nella prima parte del testo, ha lodato le scelte della società, che si è mantenuta multietnica e tollerante anche in questi anni travagliati, in cui ideologie anti-stranieri e odio verso le minoranze razziali si sono diffuse a macchia d'olio in tutto il Paese, con il leit motiv dei "buuuuu!" contro Supermario Balotelli (il più forte attaccante italiano, incredibilmente ignorato dalla nazionale), i proclami dalle piazze e dagli schermi tv dei politici intolleranti, il pianto dei bambini e il fracasso delle ruspe nei campi Rom, dei quali una politica perversa sta facendo tabula rasa. L'Inter no.
L'Inter, lo riconoscono anche le altre tifoserie, ha promosso tolleranza e antirazzismo, anche con l'invito simbolico rivolto a 20 bambini Rom per assistere dagli spalti del Meazza alla partita di andata di semifinale di Champions League Inter-Barcellona, consegnata alla leggenda del calcio. "I tre titoli dell'Inter valgono il doppio", secondo i tifosi antirazzisti, "anche per l'esempio di tolleranza e amicizia fra i popoli che la squadra ha offerto al mondo". I tifosi antirazzisti lanciano al patron dell'Inter anche un suggerimento "tecnico":

"Caro presidente Moratti, cari dirigenti, per quel che può valere ai fini delle politiche aziendali della vostra gloriosa Società, il nostro circolo vi consiglia di prestare attenzione non solo al valore professionale, ma anche alla dimensione umana del tecnico che avrà l'arduo compito di sostituire Mourinho. A noi piace un certo... Pep Guardiola, che ha manifestato il desiderio di lasciare il Barcellona e potrebbe essere, per una serie di ragioni, l'allenatore ideale dei nerazzurri. E' un uomo che ha sempre manifestato onestà e nobili valori civili; è noto in Spagna per promuovere l'idea di una società multietnica e tollerante, in cui lo sport sia sempre veicolo di lealtà, uguaglianza ed esempio per le giovani generazioni.



Vi è chi afferma che sia anche di origine gitana. Da sportivi, dopo la breve, aurea "era Mourinho", pensiamo che un allenatore geniale, innovativo ed efficace come Pep possa continuare un ciclo formidabile. Sotto l'aspetto tecnico - non siamo forse, noi italiani, un popolo di "allenatori", oltre che di navigatori, poeti e santi? - Guardiola potrebbe regalare all'Inter quel gioco di impostazione e quelle trame sempre precise ed efficaci che hanno dato al Barcellona l'immagine poderosa di un'Invincibile Armata (immagine offuscata solo dalla Beneamata!).  Guardiola conosce come pochi altri il lavoro del "mister", e in più è tenace, orgoglioso, duttile, orientato sia a scelte tattiche che strategiche (come Mou), straordinario nelle relazioni con i giocatori e capace di posizioni lucide di fronte ai media (ne abbiamo sempre bisogno).

Il nostro ovviamente è un parere da tifosi: tifosi dell'Inter e dei Diritti Umani. Ma ci teniamo a comunicarvelo, perché abbiamo un vero affetto e una stima immensa per Massimo Moratti, stima che è sempre esistita, anche quando un sistema perverso impediva alla società di cogliere i successi che avrebbe meritato sul campo. Un abbraccio a tutti e forza Inter per sempre! Gli interisti antirazzisti".


Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©atelim.com 2016
rəhbərliyinə müraciət