Ana səhifə

Mariani Francesca 3 cl lavanda


Yüklə 9.82 Kb.
tarix24.06.2016
ölçüsü9.82 Kb.

Mariani Francesca 3 CL

LAVANDA



Il genere Lavandula appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e comprende una trentina di specie originarie dei Paesi del Mediterraneo. Il nome generico “lavanda” allude all’uso di questa pianta durante il Medioevo; essa era utilizzata per detergere il corpo, per ‘lavare’, da qui appunto la derivazione del nome.

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE
La lavanda è una pianta perenne e sempreverde, solitamente di piccole dimensioni, infatti raggiunge al massimo un’altezza di un metro.
Le
foglie sono lineari, lanceolate, strette, di una tonalità tra il verde e il grigio.
Le infiorescenze, sorrette da lunghi steli, sono delle spighe e ognuna di esse contiene un numero variabile di fiori, con aroma variabile a seconda della specie, di colore viola-porpora.


I frutti sono acheni ellitici, al loro interno contengono un solo seme liscio di colore marrone scuro-nero.

IMPIEGHI
La lavanda viene utilizzata per diversi impieghi per le sue proprietà, ad esempio:
- Proprietà medicinali: La lavanda contiene oli essenziali molto attivi che le conferiscono proprietà antisettiche, disinfettanti, vasodilatatrici,  antinevralgiche, cicatrizzanti, diuretiche, per i dolori muscolari e artritici ed è considerata anche un leggero sedativo.
- Uso in cucina: viene usata raramente per aromatizzare il vino bianco e l'aceto, per preparare gelatine, per aromatizzare i dolci. Inoltre viene confezionato il miele di lavanda, molto adatto per curare le affezioni broncopolmonari.
- Proprietà aromatiche: Il caratteristico profumo della lavanda proviene dagli oli essenziali di lavanda prodotti da ghiandole, localizzate in tutte le parti verdi della pianta (fiori, foglie e gambi) ma particolarmente concentrati nei fiori. Esso viene utilizzato come profumatore.

CURE RICHIESTE
PIANTAGIONE
Il momento migliore per piantare la lavanda, come tutte le piante aromatiche, è dall’autunno a inizio primavera, in quanto non temendo il freddo, riuscirà a sviluppare un apparato radicale resistente e sarà in grado di sopportare la siccità estiva anche con poche annaffiature.
Il periodo migliore per la concimazione della lavanda è sicuramente la primavera.
TERRENI E NECESSITA’ D’ACQUA
La lavanda predilige terreni ben drenati, in quanto non tollera i ristagni idrici. I terreni non devono essere particolarmente fertili né acidi o tendenzialmente acidi. Preferisce terreni argillosi e si adatta bene ai terreni alcalini.
La lavanda non gradisce terreni particolarmente umidi per cui tra un'irrigazione e l'altra è opportuno attendere che il terreno si sia asciugato.
POTATURA
La lavanda, quando termina la fioritura deve essere potata per eliminare tutti gli steli fioriferi e per cimare le piante.
Le piante un po' debilitate e poco compatte possono essere sottoposte ad una potatura più drastica, in modo da lasciare solo pochi centimetri di stelo. In questo modo la pianta di lavanda crescerà più rigogliosa e rinvigorita stimolando lo sviluppo di nuovi germogli.
PARASSITI
Macchie chiare sulle foglie: potrebbe significare che nella lavanda c'è in corso un attacco di Septoria spp., un fungo particolarmente dannoso.
Marciumi radicali e basali: I marciumi radicali e basali possono essere provocati da diverse specie di funghi: Rosellinia spp, Armillaria spp, Phytophtora spp. Le piante colpite manifestano un accrescimento stentato, le foglie assumono una colorazione grigio-giallastra. In questa patologia le radici primarie risultano vistosamente imbrunite.
Macchie giallastre, distorsione degli apici vegetativi e sviluppo stentato della pianta: si potrebbe trattare di un attacco virale frequente in queste piante causato da AMV virus del mosaico dell'Erba medica. Per questo parassita non esistono rimedi.


Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©atelim.com 2016
rəhbərliyinə müraciət