Ana səhifə

Il Paternoster dei liberali calabresi


Yüklə 20.03 Kb.
tarix25.06.2016
ölçüsü20.03 Kb.

Il Paternoster dei liberali calabresi


sotto la pressione degli ingenti tributi

in dicembre 1866
O patri nostru, ch'a Firenzi stati,

lodatu sempi sia lu nomi vostru,

però li mali nostri rimirati,

sentiti cu pietà lu dolu nostru,

ca si cu carità vui ndi sentiti

certu non fati cchiù ciò chi faciti.


Patri Vittoriu, re d'Italia tutta,

apriti ss'occhi, ss'aricchi annettati:

lu regnu vostru è tuttu suprasutta,

e vui, patri e patruni, l'ignorati.

Li sudditi su' tutti ammiseriti:

vui jiti a caccia, dormiti e fumati.


Ministri, senaturi e deputati

fannu camurra e sugnu ntisi uniti,

prefetti, cummessari e magistrati

sucandu a nui lu sangu su' arricchiti.

E vui patri Vittoriu non guardati:

vui jiti a caccia, fumati e dormiti.

vui jiti a caccia, dormiti e fumati.

Cummessi e cancelleri di preturi,

prùbbica sicurezza e abbocati

e speciarmenti li ricivituri

a tutti ndi spogghiaru e su' ngrassati.

E vui patri Vittoriu li viditi:

vui jiti a caccia, fumati e dormiti.

vui jiti a caccia fumati e dormiti.

Sindaci, segretari e salariati

e cunsigghieri tutti e assessuri,

su latri cittadini patentati:

su idhi li judei, nui lu Signuri!

E vui patri Vittoriu li viditi,

e jiti a caccia fumati e dormiti.

A l'esatturi, poi, lupi affamati,

uh, lampu mu li mina e mu li cogghi,

li roli mu li strazza a mudhicati,

ca quantu furti, frodi, quantu mbrogghi!

E vui patri Vittoriu vi scialati,

e jiti a caccia, dormiti e fumati.


L'agenti di li tassi su' na piaga

cancarenusa supa a lu vidhicu,

sempi la pinna loru scrivi 'paga',

e di li murti loru nenti dicu...

E vui patri Vittoriu non spijati...

Dormìstivu? Mò jiti e caccijati!


E di li sù notara chi cuntamu?

La pinna loru è lanza di langinu,

uh, poravedhi nui si stipulamu:

notaru oji dinota 'latru finu',

tariffa loru è sulu lu capricciu.

Patri, pacenzia, ca mò vi la spicciu,

posati ssu ddubbotti e rifrettiti,

jettati chissu sicaru e sputati,

guardati chisti piaghi ca ciangiti,

e canusciti tutti li mpiegati.

Certu, si vui guardati, aviti a diri:

mannaja lu fumari e lu dormiri!


E vi accorgiti ca regnati in guerra,

odiatu di lu celu e di la terra.


PANEM NOSTRUM
Lu pani ndi strapparu di li mani,

lu pani nostru, o patri, e mò langumu,

simu trattati peju di li cani,

pagamu supra l'acqua chi mbivimu.

La curpa èni ca fummu liberali;

l'Italia fatta ndi portau sti mali!


Pacenza... Mò mparammu ca lu mundu

prima t'alletta e poi si mustra ngratu,

ch'è vasu duci ncima, amaru in fundu,

ch'è fàuzu e tradituri d'ogni latu...

E chistu spega lu tempu presenti,

peccùi di ricchi sciurtimmu pezzenti.

Pezzenti pe fundaria e manimorta,

pezzenti pe cunguagliu dupricatu,

pe prèstiti forzusi ed ogni sorta

di pisi, ch'ogni riccu hannu stancatu.

Et quia venturi sunt fabbricati,

lu daziu su li porci e su l'entrati.


Pezzenti, e si pretendi di pagari

lu daziu di cunsumu già appardatu,

li murti, supraimposti, ed autri affari

chi già Scialoja nostru ha progettatu.

Si parla di finestri, ciucci e cani,

daziu di furnu, di pili e di lani.


La mobili ricchezza sbrigonata,

e lu registru cu la murta e senza,

marchi di bullu, la carta bullata,

la posta chi ndi suca e non si penza,

tabaccu caru, carissimu sali:

patri Vittoriu, pe bui tanti mali!...


Finimu cu li pisi e li misuri,

lu decalitru, vilanza e stratia,

lu metru, pisi grossi e li minuri,

la revisioni ogni annu... uh, porcarla!

Patri, cuntempra tu chist'orazioni

et ne nos inducas in tentazioni:

ca di la furca passammu a lu palu,

sed libera nos a malo.


AMEN
Cchiù suffriri non potimu,

caru patti, riparati!

Ca si nui ndi annichilimu

di st'Italia chi ndi fati?


Fussi regnu di lu nenti

e vui re di li pezzenti,

e tornamu in giografia

zeru e nenti e così sia.






Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©atelim.com 2016
rəhbərliyinə müraciət