Ana səhifə

I militari possono far politica?


Yüklə 14.04 Kb.
tarix18.07.2016
ölçüsü14.04 Kb.
I Militari possono far politica?

Gen.Antonio Pappalardo Comm. Giuseppe Pino

Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori, che possono ingannare i cittadini militari nel godimento di un loro sacrosanto diritto, diciamo come stanno le cose. Senza nulla omettere.

Le Forze Armate, nel loro insieme, non possono essere soggetti politici, né tantomeno schierarsi politicamente. In altri termini, il Comandante Generale dell’Arma, oppure un Capo di Stato Maggiore militare, non può un bel giorno svegliarsi e dichiarare che la propria forza armata sostiene Berlusconi o Bersani. Non lo può fare. E ciò sulla base dell’art. 6 della legge 382 del 1978, che così recita: “Le Forze armate debbono in ogni circostanza mantenersi al di fuori delle competizioni politiche”. E questo concetto è ben chiaro e tutti lo comprendono.

Il singolo militare, invece, dal grado più basso fino a quello più elevato (compreso il Comandante Generale o qualsiasi Capo di Stato Maggiore) gode di alcune eccezioni. Sulla base del combinato disposto degli articoli 5 e 6 della suddetta legge 382, i militari, singolarmente presi, possono svolgere liberamente attività politica o propaganda a favore di qualsiasi partito oppure iscriversi ad uno di essi, a queste tassative condizioni:


  1. non svolgono attività di servizio;

  2. non sono in luoghi militari o comunque destinati al servizio;

  3. non indossano l'uniforme;

  4. non si qualificano, in relazione ai compiti di servizio, come militari o non si rivolgono ad altri militari in divisa o che si qualificano come tali.

Sulla base di questa normativa oggi vi sono militari che ricoprono cariche politiche significative in molti partiti, cosiddetti tradizionali, sulla base dell’art. 49 della Carta costituzionale che sancisce che tutti i cittadini (compresi i militari) “hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

Qualche governo in passato ha provato a modificare questa normativa, restringendo i diritti dei militari, vietando espressamente loro l’iscrizione ai partiti, ma il Parlamento, tutte le volte, ha rigettato tali provvedimenti. Invito i miei lettori a leggersi su internet gli Atti parlamentari relativi.

Nel tempo i militari hanno tentato di esercitare pienamente questo loro diritto. Ma i rispettivi comandi, che diramano circolari su tutto, anche su banalità, sciorinando minutamente ogni materia, su questo punto sono stati stitici e lo sono tuttora.

Penso che sia venuto il momento di dare loro un bel po’ di purga!

Di recente alcuni militari, in assenza di direttive superiori, si sono avventurati su percorsi originali, formando partiti di categoria, cioè di soli militari, così uscendo dalle caselle dei partiti tradizionali. A questo punto sono iniziati i problemi.

Un anno fa è nato il Partito degli operatori della sicurezza e della difesa, che si è unito al Partito dei militari. Entrambi hanno vita dura nel panorama politico nazionale e nelle relative dialettiche politiche. Essi vengono visti come un escamotage per poter fare attività sindacale senza trasgredire le norme.

I vertici militari inizialmente hanno lasciato correre. Poi, intuendo lo stratagemma usato si sono consultati con il Gabinetto del Ministro della Difesa. La risposta di Ignazio La Russa non si è fatta attendere. Egli così ha sentenziato: "L'iscrizione ai partiti politici, ancorché - in sé - non vietata, è da intendersi assorbita dal divieto di esercizio di attività politica".

E’ un pericoloso giro di parole, degno di un avvocato di cause perse, che si pongono contro una legge, la 382 del 1978, che è sin troppo chiara. Era inevitabile che i militari, obbedienti ma sino ad un certo punto, reagissero sulla base del principio “ca nisciuno è fesso”.

Un centinaio di militari delle varie forze armate, sostenuti da poliziotti civili e da cittadini che non tollerano più che alcuni di loro perché militari possano essere così penalizzati nell’esercizio dei loro diritti fondamentali, si sono riuniti manifestando davanti al Ministero della Difesa di via XX settembre a


Roma. Non accadeva dagli anni ’70 che i militari organizzassero una protesta di piazza per denunciare le loro condizioni di vita e di lavoro. Non accadeva, soprattutto, che i carabinieri si esponessero in questo modo. Arrivando fin sotto il Comando Generale dell’Arma con cartelli e striscioni. Una esposizione che alcuni di loro stanno pagando a caro prezzo: con la consegna di rigore, con la contestazione di essere iscritti ad uno specifico partito.

Voglio ricordare a questi smemorati che nel 1992, ben 30 militari in servizio e non, delle cinque forze armate, della polizia di stato, della polizia penitenziaria, del corpo forestale dello Stato, della polizia municipale, dei vigili del fuoco, hanno formato una lista autonoma, denominata “Rinnovamento nazionale”, che, sulla base del predetto art. 49 della Costituzione, si sono associati liberamente nel Partito Socialista democratico Italiano, l’unico che li ha accolti (i partiti erano così infettati, come abbiamo scoperto dopo l’esplosione di Tangentopoli, che non potevano avere nelle loro fila galantuomini onesti e operosi). Tutti sono stati candidati ottenendo ben 65.000 voti ed eleggendo un deputato. Il Generale Incisa di Camerana, al tempo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, incontrò il sottoscritto e, alla presenza del Comandante Generale dell’Arma Luigi Federici, si complimentò vivamente per l’iniziativa, in quanto per la prima volta un militare era stato eletto da militari, al di fuori dei soliti partiti.

Mi ricordo quella campagna elettorale. Non avendo nemmeno gli occhi per piangere, i miei elettori militari mi pagarono tutto: il telefonino (che a quel tempo era enorme e che custodisco gelosamente come una reliquia), la segreteria telefonica, i manifesti, tutte le attività di affissione, persino i pranzi e le cene (non solo si pagavano la loro quota, ma anche la mia).

Trovatemi, cari amici, un solo candidato al quale i propri elettori pagano tutto e io mi faccio frate. Per la prima volta nella storia della Repubblica, i militari hanno dato un forte segnale di cambiamento e di dirittura morale. Possiamo esportare questo modello di correttezza e di integrità morale nella società civile, al grido: “Fuori i ladri e i cialtroni dalla politica!”.

Dobbiamo necessariamente seguire questo esempio per vincere le nostre battaglie. Non istituendo partiti specifici (la gente non ci capirebbe e questi cialtroni che sono responsabili dell’attuale grave crisi morale ed economica del paese, potrebbero accusarci di non so quali azioni riprovevoli), ma agendo in linea con l’articolo 49 della Costituzione, associandoci ad un partito, che nasce pulito nella società civile. Quindi non a uno di quelli che hanno insozzato l’Italia, ma ad uno nuovo, che racchiude tanti Movimenti civici. Stiamo costituendo una “Rete civica”, alla quale invitiamo tutti a partecipare, conservando le proprie caratteristiche ed identità.

Non buttatevi fra le mani di questi zozzoni. Il popolo italiano ama i suoi militari e poliziotti. Non ci confondiamo con loro. Incontriamoci in questa “Rete civica”.

Vinceremo questa dura battaglia a favore della gente che oggi non conta niente e che nell’attuale panorama politico è emarginata ed esclusa.

Ne sono certo!

Perché ormai è venuta l’ora della resa dei conti!

Antonio Pappalardo



italiaunitafederale@libero.it

pino.supu@yahoo.it

www.sindacatosupu.it




Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©atelim.com 2016
rəhbərliyinə müraciət